RISULTATI DELLA RICERCA

Novità TRANSPOTEC nuovo veicolo commerciale elettrico modulare Made in Europe

Barbara Galli - 22-févr.-2013 15:07:47
  Novità Salone TRANSPOTEC- LOGITEC Verona (28 febbraio - 3 marzo 2013) Pad 8 - Stand B7-4 / B7-5   CITELEC, il veicolo commerciale elettrico modulare   di BRANDT MOTORS Made in Europe     Lione, febbraio 2013 - Brandt Motors , marchio francese che progetta veicoli elettrici presenta a TRANSPOTEC/LOGITEC 2013 il veicolo commerciale elettrico CITELEC, il primo a essere concepito e commercializzato su una base modulare.   Lanciato ufficialmente durante l’ultimo Salone Mondiale dell’Automobile di Parigi a fine 2012, CITELEC è destinato a fornire una soluzione di ecomobilità adattabile alle esigenze delle collettività locali o dei trasportatori dell’ultimo Km offrendo tutti i requisiti di un veicolo ecologico, ma anche iperfunzionale: autonomia, velocità, capacità di carico, affidabilità unito al risparmio e all’abbattimento dell’inquinamento ambientale e acustico.   Un solo veicolo e 9 allestimenti diversi Un punto di forza della gamma CITELEC è senza dubbio la sua adattabilità; la progettazione modulare consente a Brandt Motors di offrire sul mercato 9 allestimenti di carrozzeria intercambiabili sulla stessa scocca, è possibile posizionare sul cassone un rimorchio con carrozzerie intercambiabili che permettono anche di raddoppiare la capacità di carico.   Il CITELEC è disponibile con i seguenti allestimenti: Pianale, Furgone, Pick up, Telonato, Pianale ribaltabile, Sponde a rete, Frigo, Cisterna ed Ibrido.             Sicurezza e tecnologia al top La scelta del costruttore Brandt Motors è di puntare su soluzioni tecnologiche di alto livello in termini di prestazioni e sicurezza: CITELEC offre caratteristiche al top: ·            Scocca in acciaio ad alta resistenza e protezione anticorrosione ·            Propulsione elettrica (motore ACM) ·            Recupero di energia in frenata ·            Batterie FIAMM Zebra (Nichel/Cloruro di Sodio (Ni/NaCI) ·            Schermo di controllo LCD da 7”, e sistema di bloccaggio centralizzato ·            4 freni a disco ·            Sospensioni anteriori a ruote indipendenti e ammortizzatori idraulici ·            Rilascio della colonna montante e zona di assorbimento degli urti ·            Autonomia fino a 336 km nel ciclo urbano ·            Velocità massima di 80 km/h a vuoto ·            Capacità di carico di 600 kg e 3,2 m 2 (pari a 2 pallet 1.000 x 1.200 mm) ·            Accelerazione da 0 a 50 km/h in 11 secondi ·            Facilità di ricarica con la rete standard 16 A/230 V senza effetto memoria ·            Dimensioni: 3860 /1600 /1890 mm ·            Raggio di sterzata 3,6 m   I veicoli CITELEC hanno un costo di esercizio inferiore a 1 euro per 100 km.   Un progetto industriale europeo a forte potenziale Con le varie versioni della piattaforma CITELEC e i progetti in prossima uscita, Brandt Motors ambisce a diventare il primo costruttore francese in grado di produrre ogni tipo di veicolo da trasporto totalmente elettrico, economico ed evolutivo, per rispondere alle nuove sfide dell’Ecomobilità. Brand Motors incarna il vero esempio di tecnologia totalmente “Made in Europe”, grazie agli investimenti realizzati nel suo stabilimento produttivo di Lione che impiega 460 dipendenti ( Brandt Motors appartiene al gruppo SITL attivo anche nella trattamento ecologico dell’acqua).   Rete di Distribuzione Brandt Motors La rete di distribuzione di Brandt Motors è già molto estesa in Francia e si basa su concessionari di vari marchi (Nissan, Mitsubishi, Piaggio, Mercedes, Opel, Toyota, Suzuki e Renault). La società al momento è in contatto con distributori di vari paesi europei interessati a importare questo marchio innovativo. La partecipazione di Brandt Motors a Transpotec/Logitec s’inserisce in questa strategia di ricerca di partner commerciali in Italia. Nel frattempo, la distribuzione è assicurata direttamente dal costruttore francese.     Sfoglia la brochure qui     Brandt Motors vi aspetta a TRANSPOTEC LOGITEC Pad 8 - Stand B7-4 / B7-5    

Nuove mobilità sostenibili: veicolo elettrico e la sua filiera, una priorità per Francia e Italia

Barbara Galli - 15-mai-2012 12:35:53
L’A genzia Francese per gli Investimenti Internazionali, in partnership con la Chambre Française de Commerce et Industrie en Italie (CFCII) , Camera di Commercio di Milano e con il supporto della   Commissione Italiana Veicoli Elettrici Stradali (CEI - CIVES) , organizza il 23 Maggio prossimo una giornata di dibattito Italia-Francia sui temi della mobilità sostenibile intitolata: “ Nuove mobilità sostenibili: veicolo elettrico e la sua filiera, una priorità per Francia e Italia .” La giornata, che avrà luogo presso la sede della Camera di Commercio in Via Meravigli, sarà scandita da presentazioni sui programmi e sulle misure governative in Francia ed in Italia e da testimonianze di aziende, grandi gruppi e municipalità che lavorano con profitto su queste tematiche nei due paesi. Presenti tutti i più grandi attori industriali coinvolti nella filiera: Renault, PSA Peugeot Citroën , ENEL, EDF, Irsibus/Iveco, Piaggio, ecc.   Il veicolo elettrico: una priorità per la Francia   Con un mercato stimato tra il 30 e il 40% delle nuove automobili entro il 2025 ed al 20% nel 2020, le auto   elettriche (a batteria), ibride ricaricabili o a celle a combustibile sono oggetto di molteplici iniziative da parte delle industrie e delle autorità pubbliche francesi.   Nel settembre 2011, con la firma di un documento con il Ministro dell’Industria, la filiera automobilistica francese si é impegnata a proporre ai consumatori veicoli a emissioni ridotte, con servizi associati, in grado di offrire degli alti livelli di prestazioni, semplicità d’utilizzo e sicurezza.   1. Il parco dei veicoli privati e commerciali leggeri elettrici francesi è il primo in Europa (15.000 unità) ed il terzo nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone (1) .   Nel 2011, PSA ha lanciato in Francia la Peugeot 3008 ibrida, prima vettura ibrida Diesel di serie al mondo. Nella primavera 2012, arriverà sul mercato la Citroën DS5, che utilizza la stessa tecnologia, così come la Peugeot di alta gamma 508 RXH. Toyota produrrà nel 2012 una versione ibrida della Yaris III a Valenciennes. Le società Venturi (Eclectic), Goupil G3, Lumeneo (Smera e Neoma), MEGA, MicroVett, Tracetel (Whoop), Courb (C Zen) sviluppano veicoli, quadricicli e tricicli a uso prevalentemente urbano, mentre Gepebus (PVI), Tecnobus, Irisbus, Renault-Trucks e Gruau producono sul suolo francese una vasta gamma autobus e autocarri.   In Francia sono presenti tutti i principali attori industriali della filiera. Le batterie sono prodotte dalle società SAFT (Litio-Ione) e Batscap-Bolloré (Litio Metallo Polimeri). Renault produrrà motori elettrici a Cléon nel 2013 e batterie (Nissan NEC in un primo tempo) a Flins nel 2014. La collaborazione di BMW con PSA porterà ad un nuovo stabilimento di componenti ibridi a Mulhouse (2014). I produttori di equipaggiamenti, come Valeo, sono impegnati nell’elettrificazione dei sistemi di trazione, nell’elettronica di potenza e nell’alleggerimento del veicolo.   2. Un sistema pubblico favorevole . Il bonus attuale, che ha rappresentato dal 2008 a oggi uno costo di 2,3 miliardi di euro per lo stato francese, ha incentivato l’acquisto di oltre 3,9 milioni di veicoli poco inquinanti. Per il 2012 sono stati mantenuti incentivi che vanno da 2.000 a 5.000 euro per veicolo. Esiste anche un sistema di incentivi dell’Ademe (Agenzia per l’Ambiente) dedicato ai quadricicli e ad alcuni veicoli pesanti.   I quattro poli di competitività dedicati all’automobile e alla mobilità (Mov’eo, Id4Car, Véhicule du futur et Lyon Urban Truck & Bus) mettono a disposizione ingenti finanziamenti (100 milioni di euro) per progetti di ricerca collaborativi volti alla riduzione delle emissioni ed allo sviluppo di veicoli a ridotto inquinamento. Anche Credito d’imposta per la ricerca (attualemnte il più favorevole in Europa) e Oséo (Ente pubblico per il finanziamento dell’innovazione e della crescita delle PMI) permettono di sostenere una parte importante dei costi in materia di R&S.   Il Piano francese per lo sviluppo dei veicoli elettrici e ibridi ricaricabili, avviato nel 2009, dimostra il forte impegno delle Autorità pubbliche a favore dei veicoli a ridotte emissioni. Il Programma pluriennale per il trasporto terrestre (Predit N° 4, dotato di 400 milioni di euro) dedica in media il 50% dei propri finanziamenti al sostegno delle filiere dell’elettrico e dell’ibrido. Sono operative due piattaforme tecnologiche: Steeve Grenoble & Amiens ( stoccaggio dell’energia , impianti pilota CEA e INERIS) e Movéo’DEGE Saclay (impianto pilota IFP). Tramite l’ADEME sono stati finanziati (108 milioni di euro) i primi due progetti pilota per sperimentazioni su strada. Ricevono il sostengo pubblico anche altre sperimentazioni attualmente in corso, come quelle di Kléber (ibrido ricaricabile a Strasburgo), di SAVE (Seine Aval VE), di CROME (CROss-border Mobility for Evs) con la Germania, di VERT (la Réunion). Infine BMW, che ha già sperimentato nel corso del 2011 una flotta di Mini E, lancerà un’altra serie di prove con vetture ActiveE nel 2012.   Il piano “ investissements  d’ avenir ” tramite i programmi “ énergies décarbonées ” e “véhicule du futur” sostiene progetti per lo sviluppo di nuovi sistemi di trazione e di ricarica nonché per lo sviluppo di infrastrutture sulle strade pubbliche. Le AMI (gare d’appalto) già pubblicate hanno stanziato fondi per oltre 500 milioni di euro. Inoltre lo Stato ha annunciato un finanziamento di 54 milioni all’Istituto d’Eccellenza in materia di Energie a Ridotte emissioni Vedecom a Satory (Ile-de-France).   In Francia é stato anche creato un tavolo di lavoro tecnico “Infrastrutture di Ricarica” per veicoli elettrici, posto sotto l’egida del Ministero dell’Industria, al fine di favorire lo sviluppo della filiera. Al tavolo sono rappresentati i principali attori industriali della filiera (Schneider Electric, Legrand, Parkéon, DBT, Saintronic, Sagem.com, EDF Sodretel, Hager, ecc.) per discutere di diversi temi come: le disposizioni introdotte dalla legge Grenelle II (raggruppamento di comuni, permessi di costruzione, parcheggi), le disposizioni del libro Verde sulle infrastrutture di ricarica, la definizione di nuovi standard e misure di sicurezza, ed infine le forme di sostegno pubblico (CDC o ADEME) alla sperimentazione ed alla realizzazione di infrastrutture di ricarica.     Infine, il gruppo d’acquisto gestito da La Poste e coordinato dall’UGAP (Union des Groupements d’Achats Publics - Centrale d’acquisto per il settore pubblico) ha annunciato nel mese di ottobre 2011 l’acquisto di 20.000 veicoli elettrici in quattro anni. L’UGAP ha, inoltre, firmato accordi di collaborazione con diverse Amministrazioni locali e prevede di lanciare nuove gare d’appalto nel 2012.   Per David Appia, Presidente dell’Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali (AFII), «la Francia rappresenta un terreno fertile per le industrie straniere che desiderano sviluppare veicoli a ridotte emissioni e sfruttare le numerose agevolazioni all’innovazione e l’alto livello di formazione degli ingegneri. I poli di competitività e gli incentivi pubblici dedicati al settore dell’automobile rafforzano l’attrattività della Francia per quanto riguarda queste tecnologie del futuro».   L’Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali (AFII) è l’ente nazionale incaricato di promuovere, identificare ed accompagnare gli investimenti internazionali in Francia. L’AFII facilita la realizzazione del vostro progetto in Francia. L’Ageniza rappresenta l’organismo pubblico di riferimento sull’attrattività e l’immagine economica della Francia. L’AFII si avvale di una rete internazionale, nazionale e locale. L’AFII lavora in partnership con le agenzie regionali di sviluppo economico per fornire un servizio personalizzato agli investitori esteri.   Contatto in Italia:   AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali - Milano Tel.  02 72 02 25 43     1) Sono disponibili dal 2011 sul mercato francese, acquistabili o a noleggio, un gran numero di veicoli, tra cui le vetture elettriche Renault Fluence Z.E., MIA Electric (ex-Heuliez), Bolloré BlueCar (AutoLib’ a Parigi), Renault Kangoo Maxi Z.E. (prodotta a Maubeuge) Combi, Citroën C-Zéro, Peugeot Ion, Venturi Fetish, Nissan Leaf, Mitsubishi I-Miev, Tesla Roadster, Think City, Opel Ampera, Chevrolet Volt. Seguiranno i modelli Volvo C30, Renault Twizy, Renault Zoé (Flins), Smart Ed (prodotta a Hambach, Moselle), Tesla Model S., Exagon Furtive eGT (Magny-Cours), Ford Focus EV, Ford Transit Connect, Hyundai BlueOn, Toyota RAV4 EV, VW Golf blue e-m otion, Fiat e 500, Chevrolet e spark, BMW i3.

Industria dei trasporti e della mobilità francesi a Intertraffic 2012 Padiglione Francia 11

Barbara Galli - 13-févr.-2012 12:33:40
Intertraffic 2012 Padiglione Francia 11 - Amsterdam (Olanda) 27-30 marzo 2012 Una collettiva francese organizzata da UBIFRANCE, l’Agenzia Francese per lo Sviluppo Internazionale delle aziende, riunirà 12 società rappresentative dell’industria della mobilità e dei trasporti. L’importanza riconosciuta di questo salone e la presenza dei decisori di tutti i Paesi lo rendono un momento imperdibile per tutte le aziende del settore che vogliono posizionarsi a livello internazionale. Dinamiche e innovative, le società francesi vogliono convincere i loro visitatori dell’eccellenza dei propri prodotti. Non esitate a venire a scoprire le loro tecnologie al Padiglione 11! Evento biennale, il salone Intertraffic è la più grande manifestazione del settore stradale. Luogo fondamentale d’incontro di tutte le aziende di fama mondiale, è un appuntamento da non mancare per mantenersi informati sugli ultimi sviluppi nel campo delle infrastrutture, della gestione del traffico, della sicurezza e dei parcheggi. Nel 2010, la ventesima edizione di Intertraffic Amsterdam ha battuto tutti i record: oltre 800 espositori hanno attirato circa 18.000 visitatori provenienti da 114 Paesi. Quest’anno, gli espositori offriranno una visione d’insieme delle ultime tendenze e dei recenti sviluppi. Saranno presenti tutte le tematiche relative alle infrastrutture stradali: ITS per la gestione del traffico, sicurezza stradale, parcheggio, ecc. Attirate dalle prospettive offerte dal maggior salone del settore stradale, le aziende francesi presenteranno le loro innovazioni sui 144 m2 del Padiglione Francia. Forti delle loro competenze, sperano di convincere favorevolmente i loro interlocutori – decisori, imprenditori e autorità nazionali e internazionali – della qualità e dell’affidabilità dei loro prodotti. Nel Padiglione 11, potrete incontrare le seguenti aziende. ABRI PLUS EQUIPEMENTS propone un’ampia gamma di pensiline per viaggiatori, per biciclette, per materiali, tettoie e passaggi coperti. È la sola azienda a controllare l’intera catena di produzione, dalla progettazione alla messa in opera. Circa 4.000 pensiline vendute ogni anno le assicurano una posizione di leader sul mercato. COMATIS sviluppa soluzioni per i trasporti pubblici, basati su tecnologie di radiotrasmissione. La società propone sistemi radio di richiesta di priorità ai semafori per autobus, oltre a sistemi informativi alimentati da pannelli solari per i passeggeri. CRYZAL propone soluzioni di segnalazione e d’illuminazione a bassa tensione per la sicurezza stradale: segnalatori retroriflettenti in vetro temprato, segnalatori di bordi, segnalatori a LED e pannelli solari... L’azienda è anche specializzata nell’illuminazione a LED destinata alle aree urbane.  CXR Anderson Jacobson progetta e produce prodotti e sistemi destinati ai settori delle telecomunicazioni e delle reti aziendali. CXR fornisce apparecchiature e reti per i trasporti stradali, per i sistemi di controllo della navigazione aerea e ferroviaria in Europa, in Africa, nel Medio Oriente e negli Stati Uniti. Leader mondiale nel campo della ricarica dei veicoli elettrici, DBT ha sviluppato un’ampia gamma di soluzioni adatte a tutte le applicazioni (infrastrutture pubbliche e private, self service e car sharing, case private e condomini, stazioni di servizio, ...). DBT ha già installato oltre 6.000 stazioni di ricarica EV in tutto il mondo e propone ora una nuova generazione di prese di ricarica rapida: CHADEMO DC! GEOLOC fornisce soluzioni concrete per le attività stradali: informazioni del traffico in tempo reale, gestione delle emergenze, manutenzione stradale, giornale di bordo elettronico e gestione di flotte d’affari. Leader mondiale nella produzione di sistemi di segnalazione, il gruppo SES propone prodotti e concetti innovativi: pannelli fissi e strutture di sostegno in alluminio, pannelli a messaggi variabili per città e strade, oltre ai servizi associati. I suoi prodotti e soluzioni sono disponibili in tutti i continenti. L’azienda presenta tra l’altro: “OPTIMA”, il primo Pannello a Messaggi Variabili (PVM) interamente solare, che consente un utilizzo intensivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. MIOS offre una gamma completa di prodotti e di sistemi di telegestione, di sicurezza, di regolazione, di automazione, di allarme e di comunicazione: soluzione completa di reti di chiamata di soccorso per le strade e le autostrade, gestione intelligente del traffico, soluzione per l’acquisizione dati, la supervisione della strada e la gestione del traffico. ML Electronique progetta apparecchiature e sistemi integrati per il parcheggio e sistemi visivi d’informazione in tempo reale. Il suo sistema d’indirizzamento dinamico assicura la visualizzazione - su pannelli grafici multifunzione - del numero di ogni tipo di posto di parcheggio disponibile per un indirizzamento ottimale di tutti i profili di visitatori (familiari di handicappati, impiegati, VIP, abbonati, ecc.). È anche un potente strumento di gestione, che fornisce informazioni e statistiche dettagliate sull’affluenza dei visitatori, la loro permanenza, il loro profilo e la situazione di ogni zona del parcheggio. La società Multitoll Solutions è integratore di sistema di soluzioni innovative chiavi in mano per l’identificazione, la classificazione, la gestione del veicolo e del pedaggio per le infrastrutture stradali e delle città. Il gruppo francese Signaux Girod , presente al mercato internazionale della sistemazione urbana e stradale, propone un’ampia gamma di soluzioni globali: pannelli stradali, segnalazione elettronica, righe stradali in smalto e lava smaltata, pensiline per passeggeri e affissione di cartine. SORMEA (SOciété de Réalisation de Mesures d’Etudes et d’Analyses) è specializzata nella gestione del traffico stradale, del trasporto e degli spostamenti, nella sistemazione del territorio, negli studi ambientali e nella progettazione di prodotti innovativi. Intertraffic 2012 UBIFRANCE Padiglione Francia 11 Amsterdam (Olanda) 27-30 marzo 2012

Ottime prospettive per la manifestazione della ricambistica per l’automobile

Barbara Galli - 21-mars-2011 11:10:34
Avviata da cinque mesi, la vendita degli spazi del Salone EQUIP AUTO 2011 si presenta sotto i migliori auspici. Ad oggi, oltre il 70% delle superfici sono prenotate, con il salone che si sviluppa su 100.000 m2 di esposizione (+25% rispetto al 2009). Di fatto, l’assegnazione degli stand inizierà con oltre un mese d’anticipo. Tra i segnali positivi che testimoniano come EQUIP AUTO sia senz’altro l’evento fondamentale che riunisce tutti gli operatori della filiera, da segnalare il ritorno nel 2011 degli industriali di riferimento nel loro settore: Continental Teves-VDO, ContiTech, Hella, Knorr Bremse, Mahle, Meritor, TI Automotive (equipaggiamenti per veicoli), Facom (attrezzature), Washtec (lavaggio) e Europa e Omia (carrozzeria, vernici), entrambe presenti nel Villaggio Carrozzeria Vernici, organizzato sotto l’egida della FFC (Federazione Francese della Carrozzeria). Infine, tra i ritorni più importanti, PSA e Renault hanno confermato la loro presenza. Parallelamente, numerosi componentisti, fornitori di attrezzature e gruppi di distribuzione già presenti due anni fa hanno rinnovato la loro fiducia nel salone, che considerano un’eccellente opportunità: Autodistribution, Beru-Borgwarner, Bosch, Corteco-Freudenberg, Delphi, Hutchinson, Mann+Hummel, NTN-SNR roulements, Schaeffler, Starexcel (Autolia Group), Valeo, ZF Trading. Il settore della diagnostica vede confermata allo stesso modo la presenza di Actia e Texa. Le attrezzature da garage non sono da meno con la presenza, come nel 2009, di EGI Europe, Fog, Förch, KS Tool, Provac, Ravaglioli e SNA Europe. Cosciente delle nuove idee che rivoluzionano il mondo dell’automobile, EQUIP AUTO 2011 si pone anche l’obiettivo di consentire alla filiera di anticipare e di strutturare il mercato della ricambistica del futuro, coinvolgendo gli operatori a monte (costruttori, produttori di apparecchiature, subfornitori, cluster, ecc.). Con questo spirito, il Forum EQUIP AUTO GreenTech sull’elettromobilità, avviato nel 2009, sarà l’occasione, nella sua seconda edizione, per riunire i principali operatori della filiera e per scambiare con loro impressioni sulle sfide e sulle evoluzioni del mercato degli equipaggiamenti del futuro.  

L’innovazione tecnologica in mostra a MWC 2011: Incontri internazionali sui progetti tecnologici emergenti in materia di mobilità

Barbara Galli - 28-janv.-2011 11:43:03
Su iniziativa dei poli di competitività francesi del settore delle Tecnologie della Comunicazione, il Padiglione Francia accoglierà dal 14 al 16 febbraio 2011 cinque laboratori tematici destinati a stimolare le grandi tendenze dell’innovazione dei prossimi 2÷5 anni nei seguenti settori: - I servizi mobili ai cittadini - Sicurezza e Mobilità: esempio di transazioni finanziarie - Tecnologie e terminali per la mobilità – Trasmissione e recupero dei dati - Tecnologie specifiche per la banda larga - Problematiche energetiche – Efficienza energetica. Questi incontri hanno per obiettivo quello di consentire ai 23 principali operatori dell’innovazione francesi, spagnoli, sud coreani, canadesi e di Singapore di scambiarsi informazioni sull’emergere di nuovi progetti di ricerca e sviluppo e di riflettere insieme sui percorsi possibili di cooperazione internazionale su questi temi. Questa piattaforma internazionale per la Ricerca e l’innovazione è organizzata per la prima volta a questo salone, da UBIFRANCE, in collaborazione con DGCIS (Direzione Generale della Competitività, dell’Industria e dei Servizi) del Ministero francese dell’Economia, delle Finanze e dell’Industria, e con gli organismi stranieri incaricati del commercio estero: Icex (Spagna), Kotra (Corea del Sud), il Service des Délégués Commerciaux del Canada e International Interprise (Singapore); riunirà 6 poli di competitività francesi (Cap Digital, Images et Réseaux, Minalogic, Solutions Communicantes Sécurisés, System@tic e Transactions Electroniques Sécurisés), al fianco di 7 operatori dell’innovazione spagnoli, 4 sud coreani, 4 canadesi e 2 di Singapore. In parallelo, 6 PMI francesi innovative potranno sfruttare un programma di incontri individuali con potenziali partner tecnologici spagnoli, sud coreani, canadesi e di Singapore presenti al salone. Per maggiori informazioni: UIFRANCE Yves LAVARDE Tel.: +33 (0) 1 40 73 35 58 E-mail: yves.lavarde@ubifrance.fr
Chi siamo
Business France è l’Agenzia nazionale al servizio dell’internazionalizzazione dell’economia francese   Accompagna e sostiene lo sviluppo all’estero delle imprese e le loro esportazioni, gestisce l’attrattività degli investimenti internazionali sul territorio francese. Business France fa del mercato internazionale un’opportunità di creazione di valore per la Francia grazie alle sue imprese, i suoi territori e il suo know-how.   La sede italiana di Business France diretta da David Hubert-Delisle  mette a disposizione delle imprese francesi e italiane un team di specialisti bilingue esperti in relazioni commerciali franco-italiane, dedicato agli esportatori francesi e agli investitori italiani :   Beni di largo consumo Industria Agroalimentare Servizi   Business France in Italia fa parte dell’ Area Med-Est che comprende: Malta, C

Per saperne di più

Facebook
Spazio Giornalisti
Calendario delle pubblicazioni