RISULTATI DELLA RICERCA

VIDEO - Con INTERBEV, l’allevamento e la carne francese a EXPO 2015

Barbara Galli - 29-mai-2015 16:01:43
Guarda il nostro nuovo  video girato a EXPO2015 durante la serata di INTERBEV, dedicata allallevamento e alla carne francese

La Normandia in visita all’EXPO 2015 con i presidenti delle due regioni : Alta e Bassa Normandia

Barbara Galli - 27-mai-2015 10:06:01
In occasione dell’Esposizione Universale le regioni dell’Alta e Bassa Normandia sono presenti a Milano dal 24 al 27 maggio per promuovere le loro eccellenze economiche e illustrare i punti di forza del territorio dal punto di vista industriale, scientifico, gastronomico e turistico. La Normandia vanta un sistema produttivo poliedrico che trae la sua forza da un ambiente naturale gestito con cura e da una dinamica capacità d’innovazione e ricerca. L’eccezionale posizione geografica che si apre sulla Manica ha dato impulso alla creazione di un sistema portuale altamente competitivo supportato da un’efficiente rete multimodale, ferroviaria e fluviale: il porto di Rouen gode del primato europeo per l’esportazione di cereali, mentre quello di Le Havre è ai primi posti nazionali per il traffico di containers. La Normandia è la principale regione francese produttrice di energie e si colloca al primo posto nazionale per la filiera delle energie rinnovabili in particolare nel settore eolico e idro eolico. Il dinamismo economico della Normandia è illustrato dalla presenza di sette poli di competitività. Questi cluster dell’innovazione stimolano la collaborazione tra imprese e centri di ricerca nei campi delle tecnologie digitali, dell’automobile, della logistica, della cosmetica, dell’agroalimentare, del settore marittimo e dell’allevamento equino. Nel 2014 gli investimenti stranieri sono duplicati. In base ad un sondaggio TNS/SOFRES il 72% degli investitori internazionali valuta positivamente la scelta di installarsi in Francia.   Territorio ricco di suggestive bellezze è meta di migliaia di turisti che qui scoprono paesaggi incantevoli che le istituzioni regionali si impegnano a tutelare, come l’imponente opera di salvaguardia del sito Unesco del Mont Saint Michel, protagonista di un intervento senza precedenti, volto a conservare l’insularità del paesaggio generata dalle maree. Giverny e Rouen, da aprile a settembre 2015 sono raggiungibili dal coloratissimo «Treno dell’impressionismo», che da Parigi porta i turisti alla scoperta di Claude Monet e della culla dell’Impressionismo. Di rilievo sono anche il Festival dell’Impressionismo che dal 2010 richiama migliaia di visitatori e l’Armada, tradizionale raduno nautico che riunisce nell’estuario della Senna una miriade di velieri. Dal 2014 la regione Bassa Normandia, lo Stato, le collettività, il “Conservatoire du Littoral” e il “Mémorial de Cean” sono impegnati nella candidatura delle spiagge dello Sbarco Alleato al Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. La Normandia incanta non solo gli occhi, ma anche i palati dei suoi amatori. Le prelibatezze culinarie che esaltano il marchio regionale d’eccellenza e un riconoscimento mondiale sono innumerevoli. Si va dal sidro di mela, passando per i formaggi fino ai frutti di mare. Questo è il biglietto da visita con cui si presentano all’appuntamento di Expo le due delegazioni normanne con una cinquantina di rappresentanti dei principali settori dell’economia regionale (agricoltura, gastronomia, turismo e innovazione). Alla loro guida vi sono i presidenti, Laurent Beauvais della Bassa Normandia e Nicolas Mayer-Rossignol dell’Alta Normandia. Entrambi sottolineano che: “ La Normandia grazie alle sue competenze attira gli investimenti stranieri e le cifre lo confermano ! Lo sviluppo delle nostre aziende all’estero e allo stesso tempo la capacità di attrarre nuovi investitori internazionali restano la sfida cruciale per il mantenimento e la creazione di nuovi posti di lavoro; è verso quest’obiettivo che orientiamo le nostre politiche di sviluppo economico.” Leggi la Cartella Stampa   Per maggiori informazioni: Bassa Normandia Tirilly Emmanuelle    -    e.tirilly@crbn.fr Alta Normandia : de Santis Sophie   -   sophie.desantis@hautenormandie.fr      

Con INTERBEV, l’allevamento e la carne francese a EXPO 2015

Barbara Galli - 15-mai-2015 11:09:15
  I professionisti francesi e italiani dell’allevamento e della carne si riuniscono a Milano in occasione di Expo, sotto il patrocinio dell’Ambasciata di Francia   Il salone TUTTOFOOD, la “Fiera dell’Alimentare per eccellenza” tenutosi a Milano dal 3 al 6 maggio e l’inaugurazione di Expo hanno dato ad INTERBEV , l’associazione che raggruppa gli allevatori e i professionisti francesi della carne, la possibilità di promuovere la sua attività nel settore della carne bovina. A TUTTOFOOD, Interbev ha partecipato con il proprio stand a cui hanno aderito 5 delle più importanti aziende francesi: Bigard, Charal, Elivia, Socopa Viandes e SVA Jean Rozé. Mentre, nel quadro dell’Expo, Interbev è stata la promotrice di un’importante evento di networking, una cena “indimenticabile” al ristorante del Padiglione Francia, dove naturalmente la carne e la sua preparazione “alla francese” sono stati i protagonisti indiscussi. La serata è stata inaugurata dal Commissario del Padiglione Francia, Alain Berger, al quale sono seguiti gli interventi del Console Generale di Francia a Milano, Olivier Brochet e del presidente di INTERBEV, Dominique Langlois che ha così concluso il suo discorso ”Sono convinto che la filiera francese è, e sarà il vostro miglior punto di riferimento per la soddisfazione dei vostri clienti”. Per celebrare al meglio l’alta qualità della carne bovina francese, Eric Le Boeuf, maestro macellaio e miglior artigiano di Francia si è esibito, davanti ai 100 invitati italiani e francesi, in una dimostrazione di taglio della carne. Per le aziende francesi del settore è stata l’occasione per sviluppare le loro relazioni con gli operatori italiani, in primis con quelli impegnati nella grande distribuzione, ma anche con gli importatori. La Francia ha una grande tradizione nel settore dell’allevamento bovino, equino e ovino ed è anche il paese che possiede la più grande varietà di razze, ben 25 (Charolaise, Blonde dAquitaine, Rouge des Prés, Normande, Limousine, Gasconne, Aubrac,..). Queste caratteristiche ne fanno il primo paese in Europa per produzione di carne con 200.000 allevatori di bovini e 19 milioni di capi suddivisi su 13 milioni di ettari; detiene, inoltre, il primato europeo di mucche da latte e di estensione agricola votata alla produzione di foraggio. A livello internazionale, la Francia si colloca come il 6° produttore mondiale con 240.000 tonnellate di carne bovina e 1.3 milioni di capi esportati ogni anno in 40 paesi tra cui l’Italia, con cui vanta una relazione privilegiata. L’associazione si mobilita inoltre per sviluppare, presso gli operatori italiani, la notorietà del marchio di carni bovine di qualità chiamato Bovillage . L’obiettivo resta in ogni caso la promozione della carne francese e la sua diffusione sul mercato.  

A BOVINO DA LATTE successo per il primo test di ovulazione per bovini

Barbara Galli - 28-oct.-2013 14:39:37
L’azienda francese di biotecnologie ReproPharm ha presentato con successo Predi’Bov®, il primo test di ovulazione per bovini. ReproPharm è una società francese di biotecnologie nata dall’Istituto Nazionale di Ricerca Agronomica (INRA-Francia) e specializzata in fisiologia della riproduzione dei mammiferi da allevamento. La sua offerta sui mercati internazionali comprende una gamma di prodotti al servizio dei professionisti della riproduzione: allevatori, veterinari, inseminatori e ricercatori. I suoi obiettivi principali sono la semplificazione del lavoro e la preservazione dell’animale e dell’ambiente.   Comunicato stampa Brochure ReproPharm

SAVE THE DATE - BOVINO DA LATTE Cremona 24-26 ottobre

Barbara Galli - 23-oct.-2013 10:32:58
  Ti aspettiamo al Pad 2 Stand 200     Comunicato stampa Sfoglia il catalogo   PREDI’BOV®: il primo test di ovulazione per bovini   Sarà presentato a Bovino da Latte 24-26 ottobre Cremona Pad 2 Stand 200   In occasione del 68° Fiera Internazionale del BOVINO DA LATTE, che si terrà a Cremona dal 24 al 26 ottobre 2013, l’azienda francese di biotecnologie ReproPharm presenterà un prodotto innovativo: Predi’Bov®, il primo test di ovulazione per bovini. ReproPharm è una società francese di biotecnologie nata dall’Istituto Nazionale di Ricerca Agronomica (INRA-Francia) e specializzata in fisiologia della riproduzione dei mammiferi da allevamento. La sua offerta sui mercati internazionali comprende una gamma di prodotti al servizio dei professionisti della riproduzione: allevatori, veterinari, inseminatori e ricercatori. I suoi obiettivi principali sono la semplificazione del lavoro e la preservazione dell’animale e dell’ambiente.

A Bovino da Latte sarà presentato il primo test di ovulazione per bovini

Barbara Galli - 21-oct.-2013 15:01:28
  PREDI’BOV®: il primo test di ovulazione per bovini Sfoglia il catalogo   Sarà presentato a Bovino da Latte 24-26 ottobre Cremona Pad 2 Stand 200   In occasione del 68° Fiera Internazionale del BOVINO DA LATTE, che si terrà a Cremona dal 24 al 26 ottobre 2013, l’azienda francese di biotecnologie ReproPharm presenterà un prodotto innovativo: Predi’Bov®, il primo test di ovulazione per bovini. ReproPharm è una società francese di biotecnologie nata dall’Istituto Nazionale di Ricerca Agronomica (INRA-Francia) e specializzata in fisiologia della riproduzione dei mammiferi da allevamento. La sua offerta sui mercati internazionali comprende una gamma di prodotti al servizio dei professionisti della riproduzione: allevatori, veterinari, inseminatori e ricercatori. I suoi obiettivi principali sono la semplificazione del lavoro e la preservazione dell’animale e dell’ambiente. Forte della sua esperienza, ReproPharm intende lanciare sul mercato una serie di prodotti resistenti e semplici da utilizzare, volti a ottimizzare le performance della riproduzione nelle diverse specie animali. Questi prodotti, utilizzabili direttamente sul campo, apporteranno un guadagno della produttività e un reale valore aggiunto; il tutto iscrivendosi nel cammino dell’agricoltura sostenibile. Ed è proprio in quest’ottica che nel 2012 ReproPharm ha messo sul mercato Predi’Bov®: il primo test di ovulazione per bovini, che permette di individuare con precisione il momento ottimale per praticare l’inseminazione artificiale (IA). Tale procedimento si ottiene misurando il picco preovulatorio di LH (Ormone Luteneizzante) attraverso il prelievo di qualche goccia di sangue, in soli 40 minuti. Il sangue può essere prelevato indifferentemente dall’orecchio, dalla giugulare o dalla coda. In seguito a un responso positivo, l’inseminazione dovrà avvenire 12 ore dopo. Predi’Bov® è una vera novità che consente l’utilizzo direttamente in loco, in un contesto dove fino ad oggi non esistevano test biologici che permettessero di effettuare dei controlli ormonali sugli animali. Il suo utilizzo permette di aumentare i criteri produttivi: tasso di fertilità alla prima inseminazione artificiale, numero di embrioni trasferibili, migliorando così il tasso di produttività negli allevamenti. Predi’Bov® può essere realizzato in loco e non richiede alcuna attrezzatura particolare. Rapido, facile e semplice da usare rappresenta un vantaggio consistente nel campo della riproduzione di embrioni. Programmando, infatti, l’inseminazione artificiale tramite Predi’Bov® è possibile aumentare il numero di embrioni trasferibili. L’intervallo tra il picco di LH (Ormone Luteneizzante) e l’ovulazione è costante nella mucca (24 ore), al contrario dell’intervallo tra l’aumento della temperatura corporea e dell’ovulazione che è diversa da un esemplare all’altro. Predi’Bov permette, quindi, di anticipare il periodo dell’ovulazione e di programmare l’inseminazione al momento ideale: 12 ore dopo aver ottenuto un responso positivo. Se lo stick con il quale si effettua il test diventa blu, si registra la presenza di un picco di LH (Ormone Luteneizzante) e la mucca, o la giumenta, dovrà essere inseminata 12 ore più tardi. Studi precedenti hanno mostrato che il tasso si riuscita dell’IA e i risultati della produzione di embrioni in vita migliorano quando l’inseminazione artificiale viene fatta prima dell’ovulazione, ossia 12 ore dopo il picco di LH (Ormone Luteneizzante). Predi’Bov® di ReproPharm è un esempio della strategia aziendale che punta a conciliare la ricerca scientifica di ultima generazione e la messa a punto di nuovi strumenti, utilizzabili da tutti gli esperti del settore, apportando vere e proprie soluzioni innovative per far fruttare al meglio la produzione e rispondere alle esigenze del mercato.   In occasione della 68° FIERA INTERANZIONALE DEL BOVINO DA LATTE, un’equipe di   ReproPharm sarà a vostra disposizione per qualsiasi curiosità allo stand 200, padiglione 2.

Tutti su al Nord - Nord Pas de Calais mette in mostra l’innovazione agricola al Sial 2012

Barbara Galli - 16-oct.-2012 09:46:07
                                          SIAL 21-25 ottobre Parigi Prima regione di Francia per le esportazioni nel settore alimentare (e terza per il fatturato), la Regione “Nord-Pas de Calais” (stand N 027, Padiglione 5A) vuole fare del prossimo SIAL 2012 una vetrina della propria specializzazione. Saranno una trentina le aziende selezionate per illustrare l’eccelenza e la varietà del settore agroalimentare della Regione, un’attenzione particolare rivolta all’innovazione tecnologica ed alle attività del suo Cluster Agroé. Le aziende della Regione Nord Pas de Calais, distribuite tra i padiglioni 5, 6, 7 e 8, portano al SIAL tutta la produzione regionale: carni e pollame, frutta e verdura, ma anche prodotti del mare, dolci e prodotti gourmet, senza dimenticare i surgelati.   Premio dei Consumatori al prodotto più innovativo Sullo stand istituzionale della Regione (Stand N 027, Padiglione 5A), sarà assegnato martedì 23 ottobre il Premio dei Consumatori al vincitore del Concorso dell’Innovazione Nord-Pas de Calais,. Riceverà questo premio il prodotto votato su Internet come il più innovativo tra i 14 finalisti. In parallelo, a fine settembre 2012, sono stati assegnati quattro Premi Professionali: Il premio “Forma e Benessere” è stato vinto dalla società Saint Gery, quello della “Praticità” da Soufflet Alimentaire, il premio “Territorio ed arte culinaria” da IB Viande, e il “Premio speciale della giuria” da Chicorée du Nord. Allo stand regionale parteciperano partner regionali, impegnati a rafforzare le potenzialità del settore agroalimentare: il Cluster d’Eccellenza Agroalimentare Agroé che svolge un ruolo di animazione delle filiera agricola ed agroalimentare, settore di punta dell’economia regionale. Certia Interface incaricata dal trasferimento alle imprese delle innovazioni tecnologiche. Il Polo di competitività Aquimer, cluster specializzato nei prodotti ittici e aquatici Il Polo Alimentazione, salute e longevità il cui scopo è di fare nascere progetti collaborativi di ricerca nel campo delle malattie cardiovascolari e metaboliche, delle patologie neurodegenerative legate all’invecchiamento e dell’alimentazione. NORD PAS DE CALAIS, una regione agricola tra le più importanti in Europa Nord-Pas de Calais è la terza regione agroalimentare e agricola francese con una produzione che ha raggiunto nel 2010 i 11,6 miliardi di euro e la prima per quanto riguarda il volume delle esportazioni. La sua produzione di verdure ha raggiunto i 258 milioni di euro nel 2010 ed è in testa alla classifica nazionale per le patate con una produzione di 2,6 milioni di tonnellate, pari ad un terzo della produzione francese. Si colloca anche al primo posto nazionale per i prodotti caseari, la birra, le malterie e la pasticceria. L’agricoltura biologica conosce uno sviluppo costante, principalmente nell’orticoltura e nell’allevamento da latte. La produzione di insalata belga (105.000 tonnellate nel 2010) e di cicoria (114.300 tonnellate) si collocano al vertice della classifica mondiale (fonte Agreste - SAP) A valle della filiera, le attività di trasformazione e di conservazione delle verdure sono tra le più importanti d’Europa. Situata tra Londra, Bruxelles e Parigi, la regione Nord-Pas de Calais si avvale di una situazione geografica favorevole e di una rete logistica molto densa. Lo testimoniano i suoi tre grandi porti internazionali (Boulogne, primo porto di pesca francese e centro leader in Europa della distribuzione e della trasformazione dei prodotti del mare; Dunkerque e Calais, tra i primi porti merci francesi), la sua rete ferroviaria – la più estesa dopo Parigi – con 145 stazioni merci e la sua rete fluviale, la maggiore di Francia. Beneficia anche di un tessuto industriale di PMI e di grandi aziende, oltre che di un bacino di consumatori significativo (100 milioni di abitanti in un raggio di 300 km). Per maggiori informazioni: www.agroalimentaire-npdc.com / www.agroe.fr Comitato di Promozione Nord-Pas de Calais Anne PODVIN Tel.: +33 3 21 60 57 86 anne.podvin@agriculture-npdc.fr  
Chi siamo
Business France / Servizi Commerciali dell’Ambasciata di Francia Business France, Servizi Commerciali dell’Ambasciata di Francia, è un ente pubblico economico e industriale che sostiene e accompagna le imprese francesi interessate a sviluppare la propria presenza in Italia. Diretta da Didier Bourguignon, la sede milanese di BUSINESS FRANCE mette a disposizione delle imprese francesi e italiane un team di 23 specialisti bilingue, esperti  nelle relazioni commerciali italo-francesi ed è organizzata attorno a 4 principali settori di attività: - Benessere, Moda, Habitat e Salute; - Infrastrutture, Trasporti e Industria; - Prodotti e Tecnologie Agroalimentari; - Nuove Tecnologie, Innovazione e Servizi. BUSINESS FRANCE ITALIA propone alle imprese francesi e italiane molteplici servizi: Consulenza: informa le società francesi riguardo le opportunità e le condizioni di accesso al mercato italia

Per saperne di più

    
    You Buy France 

    

    Rail industry 

   

    Vivapolis  

   

    Healthindustry

   

    Axema

          
   
Facebook
Spazio Giornalisti
Calendario delle pubblicazioni